Isabella

Blogger Rilastil

Tanoressia

L'abuso di Raggi Uv è un compromesso patologico per non fare i conti con le radici profonde dell'angoscia.
Ed è già (quasi...) vacanza. Perché l’estate arriva all’improvviso e così, da un giorno all’altro, ci si ritrova catapultati dalla scrivania di un ufficio in centro città al lettino di una spiaggia sotto la canicola. Che la vostra meta sia una lontana località esotica o quello stesso bagnasciuga che conoscete fin da bambini, poco cambia: al mare si deve arrivare già abbronzati.
L'abbronzatura può diventare una fissazione quasi compulsiva?
Almeno una persona su tre è schiava della tintarella.
Il termine esatto che individua questa dipendenza è tanoressia, un neologismo coniato unendo l'inglese tan, abbronzatura, proprio con anoressia.
Gli abbronzati compulsivi vivono con l’angosciante sensazione di non essere mai scuri abbastanza e, terrorizzati dal pallore, usano il lettino solare per placare uno stato di ansia e agitazione, mettendo a repentaglio in modo grave la salute della pelle.
Le immagini provenienti dal red carpet mostrano celebrities dalla pelle chiara color alabastro accesa appena sulle guance. Il colorito "biscottato" non solo non è più di moda, ma fa anche male.
Eppure, i tan-addicted, sembrano non avere la percezione dell'importanza di proteggere la pelle dalle radiazioni nocive.  
In sostituzione alla lampada meglio puntare su un'abbronzatura sana costruita In & Out.
Leggi solari ma anche integratori, utilissimi per potenziare e rendere più omogeneo il colore, ma anche per frenare l'aging e scongiurare eritemi o scottature.
La posologia parla chiara: iniziare ad assumere l’integratore almeno 20 giorni prima dell'esposizione, durante la vacanza e dopo. Ottimo anche il supporto cutaneo, grazie agli attivi, specie betacarotene e aminoacidi che rafforzano la cute e intensificano l'abbronzatura fino al 30%.
Rilastil Sun System Capsule è un ottimo coadiuvante del sun-care che rinforza le difese cutanee al sole favorendo una rapida abbronzatura.
Risultato? Colorito strong ma senza correre rischi.
Oltre a evitare l'esposizione alle radiazioni dei lettini solari e a quella non protetta al sole, la prima regola per inaugurare con il sorriso la stagione estiva è quella di sottoporsi a un check up dermatologico, prima di qualsiasi esposizione, volto a mappare i nei ed identificare il proprio fototipo.
La pelle, luminosissima senza essere iridescente, deve apparire semplicemente accesa e splendente di luce propria, in uno stato di grazia cutaneo “inner beauty”, come se provenisse dall'interno.

 
 
Isabella
Web department